Perugia

"AUGUSTA PERUSIA" è l'appellativo con cui si ricorda la ricostruzione di questa città per volere dell'imperatore Augusto, dopo che le sue truppe l'avevano assediata ed in gran parte distrutta durante la guerra civile contro Antonio.
Prima dell'occupazione romana Perugia era stata un centro degli Umbri e, poco dopo degli Etruschi, della cui civiltà rimangono splendide testimonianze.
Divenuta libero Comune nell'XI secolo, questo centro si abbellisce di stupendi edifici ed assume quella fisionomia che ancor oggi le è propria.

La città è arroccata su un colle di circa 500 metri di altezza ed estende il suo abitato lungo le sue pendici allargandosi a forma di stella. Il nucleo più antico è quello etrusco compreso ancora in parte entro la possente cerchia muraria ed aperto da varie porte: l'arco di Augusto, porta Sole, la porta della Mandorla, la porta Marzia, la porta Trasimeno e Cornea o di Sant'Ercolano.
Altri archi si sono aggiunti in epoca romana ed anche in epoca medievale, man mano che la città si estendeva oltre la cinta originaria.
Oggi l'assetto urbanistico conserva inalterata la struttura del passato con le sue ardite salite e scalinate, con le sue belle case antiche, i suoi angoli pittoreschi, i suoi scorci stupendi sulla campagna sottostante.